Vieni ad Agape Centro Sud,
è un’esperienza che ti consiglio perché….

(risposte di alcuni partecipanti alle edizioni passate)

…ritorni con molti/e più amici/he di quando sei partito/a.  (Emanuela)

Se ami la sfida di un viaggio diverso dagli altri, un viaggio dove se vuoi puoi liberare le tue emozioni, e insieme ad altre persone giocando metterti in gioco.. beh, allora… cogli quest’attimo, Agape può essere per te un occasione per sperimentare tutto questo.  (Maurizio)

6 come 6 ! (Virginia)

La dimensione giusta per la tua crescita più importante.  (Daniele)

Quattro giorni di condivisione fra lesbiche e gay: uno scambio continuo di punti di vista che arricchisce e lascia il segno.  Giochi, lavori di gruppo, aperitivi e tanto altro…. per costruire ponti verso l’altra/o e per aver maggiore consapevolezza di sé ! (Emanuela)

…ti permette di ricercare dentro di te il coraggio che neanche tu sapevi di avere!!!  (Pasquale)

Perchè il campo è spazio, specchio, piazza, cuori condivisi e tanto ancora. Soprattutto è persone, anime, storie. Si impara e si insegna, ci sono lacrime, risate, disagio e accoglienza. La sorpresa e il cammino interiore, vissute come un gioco serio.  (Saverio)

Perchè si trova maritooooooooooo!   (Enzo)

Per quanto si possa immaginare a cosa si va incontro e poi si possa provare a descriverlo o a spiegarlo, quando si parla di emozioni, ed è proprio questo il caso, niente può sostituire il provarlo.
Sono ancora scosso da quanto possa essere emozionante trovarsi tutti insieme, con più di 70 persone, che condividono la stessa natura. Quella stessa natura che per molti è sembrata, in un momento della vita, da nascondere, da vergognarsi…
Con queste persone, tutte uguali e diverse da me, ascoltare, raccontarsi, giocare, guardarsi negli occhi, “incontrarsi”. Vedere che quel percorso che forse non ho nemmeno il coraggio di immaginare qualcun altro, tanto simile a me, lo sta già costruendo…  (Salvatore)

…il campo è stato intenso, uno spazio di incontro in cui ciascuno è stato se stesso nella misura in cui personalmente lo sentiva e lo voleva…  (Eva)

Nella mia prima esperienza ad Agape ho potuto ritrovare la bellezza dell’ascolto.
Attraverso i racconti di tante persone, mi è arrivato chiaro il coraggio straordinario della vita quotidiana di ciascuno… (Giovanni)

 

  • Delia Vaccarello, L’Unità, 29 Marzo 2010
    Gli incontri di Agape: In viaggio verso la consapevolezza
    Per non essere cittadini gay «dimezzati» dall’omofobia arrivano al sud i campi tra riflessione, meditazione e creatività.
    …leggi l’articolo di Delia Vaccarello